Perchè quaderni?

Perché i quaderni sanno di antico ma anche di nuovo. Perché i quaderni richiedono cura e attenzione, se no si rovinano. Perché i quaderni sono riempiti di parole e noi, con le parole, ci lavoriamo.

In pratica si tratta di appunti: brevi approfondimenti sul metodo e sui temi trattati nelle iniziative delle Officine della Parola, con molte incursioni sugli argomenti trasversali che ci piacciono, come la fisica quantistica, le neuroscienze, la comunicazione, l’etologia o il teatro.

Per ogni Quaderno sceglierò una parola “guida” che ci accompagnerà nelle riflessioni e che vorrei fosse spunto per scambi di idee e di esperienze tra me, i collaboratori del Blog e, naturalmente, i nostri lettori.   

 Sicuramente per ciascuna parola “guida” proporremo significati, analogie e metafore che ci avvicinino a quell’obiettivo di risveglio dell’energia espressiva che è la missione delle Officine della Parola.

Rosemary

“La mente non è un vaso da riempire, ma un fuoco da accendere.”
Plutarco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *